la ROULETTE di NUMERISTITANUS

Bienvenue sur mon blog

 
  • Accueil
  • > Archives pour juillet 2008

magica roulette numeristitanus 20 juillet, 2008

Classé dans : 36 et zero — numeristitanus @ 19:07

magica roulette numeristitanus dans 36 et zeroCREAZIONE NUMERISTITANUS©
IN QUESTO GRAFICO DUE NUMERI PER CONTARE

NON AGGIUNGO ALTRO … PROVATE ORA VOI… A PRONOSTICARE …OSSERVATE
tappett dans 36 et zero

ESEMPIO SU PERMANENZE REALI DEL 25.8.99 SAINTVINCENT ROUL.FRANCESE T.PA
27.35.10.25.34.20.4.16.17.15.5.33.4.21.25.34.7.16.36.3.9.2.16.34.7.34.1.30.28.25.22 ECC–

 

 
  • Accueil
  • > Archives pour juillet 2008

la decina speciale 10.19 nel gioco della roulette 18 juillet, 2008

Classé dans : 36 et zero — numeristitanus @ 0:56

10.11.12.13.14.15.16.17.18.19 la decina governata dal sei 

è formata da decina 1 e dalla cadenza variabile e progressiva da 0 a 9

 

 

13  è = 1 per decina e 1+5= 6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

la cadenza è invece 3 +5= 8 primo risultato (+1) =9 secondo risultato

Il primo risultato 6+8= 14 , il secondo risultato 6+9=15

Naturalmente il n.base 13+6=19 13-6=7 19+7=26 19-7=12

 

 

12  è = 1 per decina e 1+5= 6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è invece 2+5=7 primo risultato (+1) =8 secondo risultato

il primo risultato 6 +7= 13 il secondo risultato 6+8=14

Naturalmente il n.base 12+6=18 12-6=6 18+6=24 18-6 =12

 

 

11 è = 1 per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 1 quindi 1+5=6 primo risultato (+1) =7 secondo risultato

Il primo risultato 6+6=12 il secondo risultato 6+7=13

Naturalmente il n.base 11+6=17 11-6=5 17+5=22 17-5= 12

 

 

10  è = 1 per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 0 + 5= 5 primo risultato (+1)= 6 secondo risultato

Il primo risultato 6+5=11 il secondo risultato 6+6= 12

Naturalmente il n-base 10+6=16 10-6=4 16+4=20 16-4=12

 

19 è = 1 per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

 

La cadenza è 9 +5=14 primo risultato (+1)= 15 secondo risultato

Il primo risultato 6+14=20 il secondo risultato 6+15=21

Naturalmente il n.base 19+6=25 19-6=13 25+13=00 25-13=12

 

18  è = 1 per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 8+5=13 primo risultato (+1)= 14 secondo risultato

Il primo risultato 6+13=19 il secondo risultato 6+14=20

Naturalmente il n.base 18+6=24 18-6=12 24+12=36 24-12=12

 

17  è = 1 per decina e 1+5= 6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 7+5=12primo risultato (+1)= 13 secondo risultato

Il primo risultato 6+12=18 il secondo risultato 6+13=19

Naturalmente il n.base 17+6=23 17-6=11 23+11=34 23-11=12

 

16  è = 1 per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 6+5=11primo risultato +1 = 12 secondo risultato

Il primo risultato 6+11=17 il secondo risultato 6+12=18

Naturalmente il n.base 16+6=22 16-6=10 22+10=32 22-10=12

 

15 è = 1per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 5+5=10 primo risultato +1 = 11 secondo risultato

Il primo risultato 6+10=16 il secondo risultato 6+11=17

Naturalmente il n.base 15+6=21 15-6=9 21+9=30 21-9= 12

 

14 è = 1 per decina e 1+5=6 per effetto diametrale in decina fisso +5-

La cadenza è 4+5=9 primo risultato +1 = 10 secondo risultato

Il primo risultato 6+9= 15 il secondo risultato 6+10=16

Naturalmente il n.base 14+6=20 14-6=8 20+8=28 20-8= 12

 

                                               | si calcoli il diam.in decina

 

il risultato finale è sempre 12

 

Numeristitanus

 

per il gioco del lotto e della roulette

 

 

 

PS:  ORA MI DOMANDO , è MAI POSSIBILE CHE A DISTANZA DI DUE ANNI CHE SCRIVO SUI BLOG

NON SAPPIATE ANCORA  PREVEDERE  I NUMERI CHE SORTIRANNO ALLA ROULETTE ?

CREDETEMI è PIU’ SEMPLICE DI QUANTO IMMAGINATE

 

ALLORA VEDIAMO SE RIUSCITE A COMPRENDERE QUESTO POST

SE 6 è = 1 PER EFFETTO DIAMETRALE IN DECINA 

COSA MAI PUO’ LEGGERE IL NUMERO SEI ???

LA DECINA 10.19 OSSIA 10.11.12.13.14.15.16.17.18.19

SE 7 è = 2 PER EFFETTO DIAMETRALE IN DECINA 

COSA MAI PUO’ LEGGERE IL NUMERO SETTE ???

LA DECINA 20.29 OSSIA 20.21.22.23.24.25.26.27.28.29

SE 8 è = 3 PER EFFETTO DIAMETRALE IN DECINA

COSA MAI PUO’ LEGGERE IL NUMERO OTTO ???

LA DECINA 30.39 OSSIA 30.31.32.33.34.35.36.0.0.0

QUINDI COSA VUOL DIRE 

CHE SE ESCE 6 E DOPO UNITO  ESCE 15 DOVRO’ CALCOLARE +1-1 

 

 E SI OTTIENE 14.16 AMBATE

 

ESEMPIO SU PERMANENZE REALI DEL 23.8.1999 SAINT VINCENT 

 

4.28.6.6.15.10.26.14.1.28.19.26.14.19.27.22.24.9.7.16.32.18.0.7.9.

7.34.25.18.6.15.6.4.27.4.16.13.9.14.8.28.14.3.25.35.0.31.15.1.0.33.

18.30.33.8.20.17.3.0.30.33.33.0.17.23.25.11.2.7.21.17.31.17.10.0.6.

4.22.32.10.25.30.18.21.5.23.15.8.34.10.9.20.19.17.18.35.20.28.11.8.

1.27.33.21.29.1.24.26.1.6.2.20.20.4.8.15.15

BUONA LETTURA …

. NUMERIS è TORNATA PIU’ IN FORMA DI PRIMA 

 

  

 

 
  • Accueil
  • > Archives pour juillet 2008

PER COMPRENDERE IL TEMPO DI ROTAZIONE NELLA ROULETTE NUMERISTITANUS 13 juillet, 2008

Classé dans : roulette — numeristitanus @ 18:25

Un disco di rotazione è attaccato ad un braccio girante.

Un punto sul perimetro del disco segue il percorso di varie curve delle roulette (denominate epicicicli), che dipendono dal rapporto dei diametri dei disc e della velocità di rotazione.  

SISTEMA COPERNICANO

 

Il sistema copernicano può sintetizzarsi in sette assunti, così come dal medesimo autore enunciati in un compendio del De rivolutionibus ritrovato e pubblicato nel 1878:

  1. Non vi è un unico punto centro delle orbite celesti e delle sfere celesti;
  2. Il centro della Terra non è il centro dell’Universo, ma solo il centro della massa terrestre;
  3. Tutti i pianeti si muovono lungo orbite il cui centro è il Sole, che quindi è al centro dell’Universo;
  4. La distanza fra la Terra ed il Sole, paragonata alla distanza fra la Terra e le stelle del Firmamento, è infinitamente piccola;
  5. Il movimento del Sole durante il giorno è solo apparente, e rappresenta l’effetto di una rotazione che la Terra compie intorno al proprio asse durante le 24 ore, rotazione sempre parallela a sé stessa;
  6. La Terra (insieme alla Luna, ed esattamente come gli altri pianeti) si muove intorno al Sole ed i movimenti che questo sembra compiere (durante il giorno e nelle diverse stagioni dell’anno, attraverso lo Zodiaco) altro non sono che l’effetto del reale movimento della Terra;
  7. I movimenti della Terra e degli altri pianeti intorno al Sole possono spiegare le stazioni, le stagioni e le altre particolarità dei movimenti planetari.

Queste asserzioni rappresentavano l’esatto opposto di quanto affermava la teoria geocentrica, allora comunemente accettata. Esse mettevano quindi in discussione tutto il sistema di pensiero allora prevalente in filosofia e religione; la perdita della centralità della Terra rispetto al resto dell’universo, infatti, nonché la considerazione della sostanziale omogeneità dei fenomeni celesti e terrestri, entrambi sottoposti alle medesime leggi matematiche e fisiche, portarono a una rivoluzione nel pensiero che non fu solo scientifica, ma anche antropologica e sociologica.

L’eliocentrismo (dal greco Helios, sole, e kentron, centro) è una teoria astronomica che postula che il Sole sia fisso al centro dell’Universo e/o del Sistema Solare, e che i pianeti vi girino intorno.

Storicamente, l’eliocentrismo è opposto al geocentrismo, che pone la Terra al centro. (La distinzione fra Sistema Solare ed Universo non è stata chiara fino a tempi recenti, ma estremamente importante per controversie cosmologiche e religiose

 

PIANETI

 

Spesso i pianeti si distinguono in interni ed esterni, a seconda della posizione rispetto alla Terra, o in rocciosi e gassosi, a seconda della struttura.

Il tempo impiegato da un pianeta per compiere un giro attorno al proprio asse è detto giorno, mentre il periodo che impiega un pianeta per compiere una rivoluzione completa intorno al Sole è detto anno.

I pianeti compiono la loro rivoluzione intorno al Sole percorrendo orbite che sono quasi complanari con l’orbita terrestre (piano dell’eclittica); sia il moto di rivoluzione che quello di rotazione si svolgono inoltre in senso antiorario a partire da ovest (ad eccezione di Venere e Urano).

L’inclinazione degli assi di rotazione rispetto al piano orbitale, in tutti i pianeti, non si discosta molto dalla perpendicolare, ad eccezione di Urano, che ruota coricato sul piano dell’orbita.

Il moto che i pianeti svolgono intorno al Sole segue tre leggi empiriche fondamentali note sin dal XVII secolo, e denominate leggi di Keplero

 

Distanze dei pianeti dal Sole [modifica]

Pianeta Distanza media (milioni di km) Distanza media (UA) Perielio (milioni di km) Afelio (milioni di km)
Pianeta Distanza media (milioni di km) Distanza media (UA) Perielio (milioni di km) Afelio (milioni di km)

 

 

 

Nella visione copernicana quindi il Sole è al centro, seguito nel moto da tutti i pianeti del Sistema Solare.

In questo modo l’interpretazione dei moti celesti era semplificata e più chiara.

Estratto da « http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_copernicana« 

 

 (da Wikipedia)

 

PER COMPRENDERE IL TEMPO DI ROTAZIONE NELLA ROULETTE NUMERISTITANUS dans roulette dans roulette

 

 
 

poneyvallee |
FOU DE LOTO |
KillerZone |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | fouad
| 971 LES SPARTIATES
| site de jeux gratuit